CRESCE IL SUCCESSO DEL #DFF11

Il Dieciminuti Film Festival prosegue richiamando l’attenzione di un grande pubblico. L’atmosfera che si vive è quella delle più grandi rassegne, si percepisce la voglia di tutti di voler condividere la passione per il cinema. Si respira aria di cultura, ma anche tanta voglia di divertirsi al Cinema Antares durante queste splendide serate. Tra scatti dei fotografi e la folla degli incontri con i più bravi autori contemporanei di serie online e cortometraggi, continuano le proiezioni dei corti in gara e delle ultime web series. Durante la scorsa serata è toccato a PROMETEO scritta e diretta da Alessandro Ciotoli Presidente dell’Associazione Indiegesta: la serie proiettata in anteprima ha riscosso commenti entusiastici.12647122_10153399711186235_1804466438864853322_n

Come già anticipato il vero ed unico protagonista del Festival è il pubblico in sala che ogni sera ha la possibilità di votare sia per la sezione “Visti da vicino” che per il divertentissimo contest di video girati con il telefonino “Il cinema lo fate voi”.


Votazioni

A tal proposito ricordiamo che oggi sarà l’ultimo giorno di votazioni per queste due sezioni.
Per ognuna, i 3 corti più votati durante le prime tre serate, accederanno alla finale di domani scontrandosi in una nuova sfida nella quale sarete ancora una volta voi a decidere (in caso di ex equo passeranno in finale i corti a pari merito).

Ricordiamo che, successivamente allo scrutinio, le preferenze espresse vengono quotidianamente ricontrollate e vidimate dal nostro garante, quindi di seguito riportiamo i voti ufficiali, allegando le tabelle originali, al fine di garantire la massima trasparenza.

FotorCreated2

 

-Visti da Vicino

Martedì 26: “Se io avrei” 89 voti; “Ju Pirdu” 58 voti; “Fuori tempo massimo” 37 voti

Mercoledì 27: “Il varco” 71 voti; “Pizza N.2” 46 voti; “Campo d’internamento Le Fraschette” 13 voti

 

-“Il cinema lo fate voi”

Martedì 26: “Blade Boiler” 91 voti; “The Grudge” 45 voti; “The big bang theory” 25 voti; “Pulp Fiction” e “The Fighter” 15 voti

Mercoledì 27: “Venerdi XVII” 45 voti; “Car wars” 39 voti; “Il mago” 29 voti; “The lord of the bath” e “L’ossessione” 11 voti

 

 

Di seguito il programma della giornata:

Animazioni

-NOCTILUCA di Juan Carve
Pablo vive solo con suo padre e una notte si ritrova protagonista di un viaggio pericoloso attraverso la foresta.

-OVATION di Sofia Keqian Wang e Joann Kang
Un ragazzino si ritrova ad assistere ad uno spettacolo di magia e con aria di superiorità non apprezza le magie dell’esibizione scatenando l’ira del mago. Ne diventerà l’ignaro protagonista.

-KRAKATOKENdi Jaime Maestro
Una stella dal cielo scende nella steppa della Mongolia cambiando il destino di due bambini che seguendola hanno intrapreso il loro viaggio.

Extralarge

-THE CHICKEN di Una Gunjak
Come regalo per il suo sesto compleanno, Selma riceve un pollo vivo. Quando realizza che l’animale verrà ucciso, decide di liberarlo…

-HASTA QUE LA CELDA NOS SEPARE di Mariana e Josero Emmanuelli

Come Bonnie e Clyde ci insegnano, nel crimine l’amore è talmente forte da far commettere atti estremi come il rapimento di un prete per farsi sposare o il sequestro di persone ignare per farsi fare da testimoni, ma prima che arrivi la polizia.

-CAPTCHA di Edward Tracy
Negli anni ’40, in una Londra futurista e abitata da spie senza scrupoli, ad un uomo viene impiantato un dispositivo nel collo, senza che lui lo sappia. Il dispositivo lo rende perdutamente innamorato di Katya, una pericolosa spia, ma veramente anche il più forte dei sentimenti può essere governato?

-EL BOSQUE NEGRO di Paul Urkijo Alijo
Un impavido cavaliere, Sir Hector, decide di entrare nella pericolosa foresta nera per salvare la principessa fatta prigioniera da un terribile mostro, ma non sempre le cose sono come ci si aspetta che siano.

Official Section:

-ISON
I rapporti di una famiglia del futuro più prossimo e le conseguenze della digitalizzazione portano ad una tragedia 2.0.

-THE RED THUNDER
Sarah riesce ad avere un appuntamento con Danny, il ragazzo che le piace, ma per uscire ha bisogno della macchina nuova di sua madre, la podologa Thun. Lei non vuole darle il permesso. La ragazza è costretta a prenderla di nascosto, cosa potrà mai succedere?

-THE WEATHER REPORT
Un piccolo tassello di vita quotidiana nel mare della storia. Ted Sweeney è il guardiano del Faro di Blacksod, Irlanda del Nord, il primo a vedere la pioggia

-VALENTINA
Così vicini così lontani . La storia di due ex fidanzati ancora legati e del loro carlino.

-IMPACT
Le serie televisive ci ipnotizzano con la promessa di un percorso semplice e veloce verso una vita fantastica, ma quanto possono realmente influire sul comportamento di ognuno di noi?

Visti da vicino:

-MANIFESTO di Luca Claretti

-LIFE IN TECHNICOLOR di Danilo Fabrizi

 

#DFF11’S SUCCESS GROWS UP

Dieciminuti Film Festival‘s audience keeps growing. You can feel the same atmosphere of the greatest festivals and everyone’s passion for cinema. We had a lot of fun at the Cinema Antares during these evenings. Among photographers’ shots and meetings with the most important contemporary web series and short movies’ authors, the short movies and latest web series projections continue. Last night we saw PROMETEO, a web series written and directed by Alessandro Ciotoli, IndieGesta’s president, which is screened on preview with enthusiastic comments.  

As we said before, the one and only protagonist of the Festival is the audience, that every night has the chance to vote for the “Visti da vicino” section and for “Il cinema lo fate voi”, a funny video contest shot with smartphones. 

Votes of the night:

“VISTI DA VICINO”:  first “Il Varco” by Elisa Curatola with 71 votes, second “Pizza n. 2″ by Sergio Quattrociocchi with 46 votes, third ” Campo internamento Le Fraschette” with 13 votes.

“IL CINEMA LO FATE VOI”: first”Venerdì XVII” by Matteo Fontana e Marco Giudici with 45 votes, second with 39 votes “Car Wars” by Emilio Zambon and third with 29 votes “il Mago”.

January 28th schedule is full too: the finalists, the “Visti da vicino” section, web series guests from all around the world and much more.

Here’s the schedule of the night:

Animations:

-NOCTILUCA by Juan Carve

Pablo lives alone with his father and one night he becomes the main character of a dangerous journey through the forest.

-OVATION by Sofia Keqian Wang and Joann Kang 

A little boy watches a magic show with too much arrogance and doesn’t appreciate the tricks of the magician, who gets angry. Then he becomes the unaware protagonist.

-KRAKATOKEN by Jaime Maestro

A star falls from the sky on a desert land in Mongolia, changing the destiny of two children. They follow it and that’s where their journey begins.

Extralarge

-THE CHICKEN by Una Gunjak

As a gift for her sixth birthday, Selma receives a living chicken. When she realizes that the animal will be killed, she decides to set it free…

-HASTA QUE LA CELDA NOS SEPARE by Mariana and Josero Emmanuelli

As Bonnie and Clyde teach us, love is strong enough to make people kidnap a priest to celebrate a marriage and force unaware people to be the best men.

-CAPTCHA by Edward Tracy

In the 40s, in a futuristic London where cruel spies live, a device is installed in a man’s neck, completely unaware of it. The device makes him fall in love with Katya, a dangerous spy. Can the strongest feeling of all be ruled? 

-EL BOSQUE NEGRO by Paul Urkijo Alijo

A brave knight, Sir Hector, decides to go in the dangerous black forest to save the princess who is prisoned by a terrible monster. As usual, it’s not always as it seems.

Official Section:

-ISON 

The relationships of a family of the next future and the consequences of digitalization take to a 2.0 tragedy.

-THE RED THUNDER

Sarah has a date with Danny, the guy she likes, but she needs her mother’s new car to go out with him. Her mother’s name is Thun and she is a podiatrist. She doesn’t want to give Sarah the car, so the girl takes it secretly. What could happen?

-THE WEATHER REPORT

Ted Sweeney is the guardian of the Blacksod lighthouse in Northern Ireland. He is the first to see the rain.

-VALENTINA

So close, yet so far. The story of two ex-lovers – and their dog – who are still bound to one another.

Visti Da Vicino:

-MANIFESTO by Luca Claret

-LIFE IN TECHNICOLOR by Danilo Fabrizi

GRANDE SERATA DI APERTURA PER IL #DFF1

La serata di apertura del Dieciminuti Film Festival è stata un grande successo. Il pubblico numeroso e assai partecipe ha assistito entusiasta alla proiezione di una prima tranche di corti in concorso nelle quattro differenti sezioni. Per iniziare sono stati proiettati i corti animati. Piaciuti molto ai piccoli ospiti del festival, ma che hanno appassionato anche i più grandi, a proseguire quelli delle sezioni Official, Extralarge e “Visti da vicino”.

Sezione Animazioni:

-Kitbash Kid

-Cute Friends

Official Selection:

-Where’s Jesus?

-Sorej

-A fish called Keith

-Due piedi sinistri

-La Mosca

-The Exam

Per la sezione Extralarge:

-Doppia luce

-Belly flop

-Mother

Per la sezione Visti da vicino:

-“Ju Pirdo” di Gianmarco Cipolla

-“Se io avrei” di Roberta Tiberia e Benedetta Masi

-“Fuori tempo massimo” di Emanuele Paragallo

Il presentatore ha invitato sul palco alcuni degli ospiti di questa edizione . Ieri sera hanno intrattenuto il pubblico del DFF11 gli autori delle Web Series “Eusebio” e “10 regole per fare impazzire un grafico“.

Come si sa, il pubblico fa da protagonista al Dieciminuti e dopo aver assistito alla proiezione di alcuni dei corti della sezione “Visti da vicino” e video del Contest “il cinema lo fate voi” ha potuto votare il proprio preferito.
I voti della serata sono stati per la sezione “Visti da vicino”:

SE IO AVREI  89 voti

JU PIRDO 58 voti

FUORI TEMPO MASSIMO 37 voti

per il contest “il cinema lo fate voi” il più votato è stato il video

BLADE BOILER con 91 voti.

Questa sera il programma prevede altre proiezioni dei corti finalisti delle varie sezioni:

ARROZ Y FOSFOROS di Javier Beltramino

Un anziano rimasto solo vive ormai nel dolore per la morte di sua moglie, con l’indifferenza dei suoi figli, un giorno, però…

DJI. DEATH SAILS di Dmitri Voloshin

Per la morte dovrebbe essere un compito facile prendersi l’anima di un pirata vittima di un naufragio su una zattera che vaga senza né cibo né acqua, ma Dji è una morte sfortunata e il lavoro si fa difficile.

KITE di Gavin Moron

Un giovane gioca con il suo aquilone che improvvisamente si stacca dal filo e si libra nel cielo, il ragazzo lo rincorre attraversando meravigliosi paesaggi.

WE WERE THE BEST di Tan Ce Ding

Yoke Mun si prende una pausa dal suo lavoro in ufficio per compiere lo stesso viaggio fatto 8 anni prima, con i suoi amici, dopo il diploma.

MUCK di Sonya Quayle

Babs si divide tra i difficili compiti di madre e di moglie. Suo figlio Billy è affetto da autismo e suo marito non vive bene la loro vita problematica. Dopo un grave incidente la donna dovrà affrontare un’ardua scelta.

SORMEH di Azadeh Ghochagh

Durante la rivoluzione iraniana una coppia si sta preparando per andare ad un matrimonio, lei ha finito l’eyeliner e decide di uscire di casa per farselo prestare.
Inconsapevolmente prenderà parte a qualcosa più grande di lei.

BAM Dennis Overeem

Una comune cassiera di un supermercato, cicciottella e selfiemaniaca, scatta continuamente autoritratti in pose estroverse, li ritocca e li posta su un social network cercando una via d’uscita alla propria solitudine in ambiente digitale. Ma contare ossessivamente i “mi piace” può condurre a non rispettare regole fondamentali per la sopravvivenza.

THE FOOD CHAIN COMPLEXITY IN AFFORESTED GROUNDS di Maciej Gajewski

Un pomeriggio pulp nella quiete di un bosco polacco, dove almeno metà dei visitatori vede tutto nero.

IL VARCO di Elisa Curatola

CAMPO DI INTERNAMENTO “Le Fraschette” di Americo Tiberi

PIZZA NUMERO 2 di Sergio Quattrociocchi

Dopo le proiezioni Alessandro Ciotoli Presidente dell’Associazione Indiegesta, stasera, presenterà la web series Prometeo da lui scritta e diretta.

Possiamo affermare che già dalla prima sera l’Undicesima edizione del DFF è stata un grande successo, confermandosi un’occasione trascinante che ci fa condividere la passione per il cinema.

 

GREAT OPENING NIGHT FOR #DFF11

The first night was a great success. We started with the animation shorts, appreciated by both old and young folks. Next the “Official”, “Extralarge” e “Visti da vicino” section.

Animation Section:

-Kitbash Kid

-Cute Friends

Official Section:

-Where’s Jesus?

-Sorej

-A Fish Called Keith

-Due Piedi Sinistri

-La Mosca

-The Exam

Extralarge Section:

-Doppia Luce

-Belly Flop

-Mother

Visti da vicino:

“Ju Pirdo” di Gianmarco Cipolla

“Se io avrei” di Roberta Tiberia e Benedetta Masi

“Fuori Tempo Massimo” di Emanuele Paragallo

Our host invited some guests on stage. Last night the audience was entertained by the authors of the web series “Eusebio” and “10 regole per fare impazzire un grafico”

As we know, the audience is the protagonist of the Festival, so it is allowed to choose its favorite short movie from the “Visti da Vicino” section and for the contest “Il Cinema lo fate voi”. The winners are “Se io avrei” for the first section and “Blade Boiler” for the second one. 

Tomorrow’s evening will see the screening of the finalists from the different sections. Here is the schedule:


ARROZ Y FOSFOROS directed by Javier Beltramino

An old man lives alone in pain for his wife’s death, abandoned by his children, but one day…

DJI. DEATH SAILS directed by Dmitri Voloshin

Taking the soul of a shipwrecked pirate who wanders on a raft with no food or water should be an easy job for Death, but Dji is a very unlucky Death and his job it’s getting pretty hard.

KITE directed by Gavin Moron

A boy plays with his kite, which suddenly flies away. The boy runs after it passing through many wonderful landscapes.

WE WERE THE BEST directed by Tan Ce Ding

Yoke Mun takes a break from her office work to go on the same trip she went on 8 years earlier, with her friends, after their graduation.

MUCK directed by Sonya Quayle

Babs is busy being a mom and a wife. Her son Billy is autistic and her husband doesn’t cope well with their troubled life. After a serious accident she’ll have to face a dire choice.

SORMEH directed by Azadeh Ghochagh

During the Iranian revolution a couple is getting ready for a wedding but she runa out of eyeliner and decides to go outside to borrow it. Unknowingly she’ll take part in something bigger than her.

BAM directed by Dennis Overeem

A common cashier, chubby and selfie-maniac, constantly takes pictures of herself in various poses, then retouches and posts them on social networks, looking for a way out of loneliness. But being obsessed with Likes can be dangerous for survival.

THE FOOD CHAIN COMPLEXITY IN AFFORESTED GROUNDS directed by Maciej Gajewski

A pulp afternoon in a quiet polish forest, where at least half of the visitors have a very dark outlook on life.

IL VARCO directed by Elisa Curatola

CAMPO DI INTERNAMENTO “LE FRASCHETTE” directed by Americo Tiberi

PIZZA NUMERO 2 directed by Sergio Quattrociocchi

Tomorrow night Alessandro Ciotoli, IndieGesta’s president, will present “Prometeo”, the web series he wrote and directed.

We can say for sure that the DFF is already a great success.

AL VIA IL #DFF11

Tutto è pronto. Il Dieciminuti Film Festival sta per iniziare, da oggi Martedì 26 Gennaio, alle ore 21, andrà in scena al cinema Antares di Ceccano. Arrivato alla sua Undicesima edizione ha battuto ogni record, infatti, quest’anno i corti che gli organizzatori hanno ricevuto sono stati 2027 provenienti da 103 Paesi di tutto il mondo. Cifre che fanno capire quanta fama e quanta stima sta ottenendo nell’ambito nazionale ed internazionale. Gli organizzatori sono stati messi alla prova nel dover selezionare i corti finalisti tra i tantissimi arrivati per l’elevata qualità di ognuno. La giuria, presieduta dall’autorevole Steve Della Casa, decreterà i vincitori per ogni categoria. Sarà il pubblico in sala a scegliere il vincitore della sezione “Visti da vicino” e per questa edizione anche del Contest “Il Cinema lo fate voi”. Ogni sera saranno presenti ospiti dal mondo delle web series e non solo.

La prima giornata vedrà scorrere per la sezione Animazioni:

KITBASH KID di WU JUN AN (Singapore)
Un bimbo prodigio riesce a costruire un robot un po’ imbranato , ma molto molto dolce.
CUTE FRIENDS di Xiaohan Liu (Canada)
Una tenera bambina, passeggiando nel bosco, vede un simpatico musetto e incontra, così, un amico speciale.

cute friends

Per la Official Selection:

WHERE’S JESUS? di Anja Celine Pedersen (Norway).
Pellegrinaggio evangelico di due giovani che vanno di casa in casa per restituire la retta via alle persone cercando Gesù. Ma Gesù vuole farsi trovare?
SOREJ di Hashim Sharaf (Bahrain)
Un padre che è disposto a fare qualsiasi cosa per mantenere suo figlio. Un bambino curioso che decide di seguire il papà per scoprire che lavoro fa. A volte dietro un sorriso può nascondersi molta sofferenza.
A FISH CALLED KEITH di Steven Dorrington (United Kingdom)
Cosa accade al pesciolino Keith durante la notte?
DUE PIEDI SINISTRI di Isabella Salvetti (Italy)
Durante una partita di calcio con gli amici di scuola Mirko vede la piccola Luana e ne rimane colpito. decide di andare a conoscerla, ma c’è un grande ostacolo tra loro…
LA MOSCA di Marco Di Gerlando (Italy)
la piccola Carlotta, insieme alla sua classe, ha il compito di disegnare un animale che inizi con la lettera M. in un primo momento non le sovviene proprio nulla ma poi, ecco l’idea! una mosca…

la mosca
THE EXAM di Simon Lex (United Kingdom)
Claire è pronta per sostenere l’esame, senza sapere veramente di fronte a quale scelta viene messa. Il destino ci mette continuamente alla prova per farci capire chi siamo e cosa fare. D’altronde “gli esami non finiscono mai”.

Per la sezione Extralarge:

DOPPIA LUCE di Laszlo Barbo (Italy)
Francesca Swart possiede un potere, riesce ad avere delle visioni attraverso il contatto con cose o persone. Sfrutta il suo dono (o “condanna”?) per ritrovare una bambina rapita, ma da sola ce la può fare?
“Affinché la luce splenda l’oscurità è necessaria” ci lascia detto Francesca.

doppia luce
BELLY FLOP di Marc Gaudioso (United States)La vita di una bambina di 8 anni è sconvolta dalla notizia, letta su una rivista, di una donna che dichiara di essere rimasta incinta di 5 gemelli a causa del pollo fritto.

 

MOTHER di Rati Tsiteladze (Georgia)
Una madre nasconde l’esistenza di suo figlio appena nato per non cadere vittima di ingiuste accuse e pesanti pregiudizi.

Per la sezione Visti da vicino:

JU PIRDO di Gianmarco Cipolla
SE IO AVREI di Roberta Tiberia e Benedetta Masi
FUORI TEMPO MASSIMO di Emanuele Paragallo
Parteciperanno alla serata gli autori di “Eusebio” e “10 Regole per fare impazzire un grafico” Web Series nate in Ciociaria.

 

READY FOR DFF11

Everything’s set. The Dieciminuti Film Festival is about to start, tonight at the Cinema Antares in Ceccano, 9 o’clock. The festival, which is now into its eleventh edition, has broken every record: this year, indeed, we’ve received 2027 short films from 103 nations around the world. We had to choose and the high quality of the shorts has not made it easy. The jury, chaired by Steve Della Casa, selects the winners for each category. The audience chooses the winners for the “Visti da vicino” section and, new entry of the year, for the contest “Il Cinema lo fate voi”. Many guests will attend the festival every night, not only web series related.

First day, Animation Section:

KITBASH KID by WU JUN AN (Singapore)
A child prodigy manages to build a cute yet clumsy robot.

CUTE FRIENDS by Xiaohan Liu (Canada)
A sweet little girl finds a special friend in the woods.

Official Section:

WHERE’S JESUS? by Anja Celine Pedersen (Norway)
Two young men go door-to-door to help people find Jesus. But does he want to be found?

SOREJ by Hashim Sharaf (Bahrain)
A father willing to do whatever it takes to maintain his son. A curious child who follows his dad to find out what’s his job. Sometimes we smile to hide a tear.
A Fish Called Keith by Steven Dorrington (United Kingdom)
What happens to Keith the fish during the night?
Due piedi sinistri by Isabella Salvetti (Italy)
While playing football with some friends, Mirko notices a girl nearby, Luana. She seems nice at first, but there’s a huge obstacle between them…

La Mosca by Marco Di Gerlando (Italy)
Carlotta is in class and has to draw an animal that starts with F. She can’t think of anything at first, but then… here’s an idea! A fly.

The Exam by Simon Lex (United Kingdom)
Claire is ready for the exam, but she doesn’t know what she’s going to face. Destiny constantly tests us to make sure we understand who we really are and what to do next. Life is a never-ending exam.

Extralarge Section:

Doppia Luce by Laszlo Barbo (Italy)
Francesca Swart has a power: she can see things just by touching something or someone. She uses her gift (or “doom”?) to find a missing little girl, but can she do it on her own?

Belly Flop by Marc Gaudioso (United States)
When an 8-year old girl believes people get pregnant from fried chicken, she goes into a panic.

Mother by Rati Tsiteladze (Georgia)
A mother tries to hide the fact the she has a newborn baby so she can avoid unfair accusations and prejudices.

Visti da vicino Section:

Ju Pirdo by Gianmarco Cipolla
Se io avrei by Roberta Tiberia and Benedetta Masi
Fuori Tempo Massimo by Emanuele Paragallo
The creators of “Eusebio” and “10 Regole per far impazzire un grafico”, web series born in Ciociaria, will attend the festival in the evening.

#DFF11. 11 MOTIVI PER AMARLO

1453719185018

Finalmente ci siamo. Oggi inizia il Dieciminuti Film Festival e, per la sua 11° edizione vi offriamo ben 11 motivi per seguirlo e per amarlo:

1) Il DFF è un festival internazionale. Per questa edizione ha ricevuto più di 2000 corti da ben 103 nazioni, questo significa che, nel tempo, è divenuto un punto di riferimento importante per il cinema brave a livello mondiale.

2) Il motto di questa edizione del DFF è “cinefili seriali”. ll nostro amore per il cinema lo esprimiamo anche attraverso il tema delle foto, degli spot e della locandina scelta; un continuo richiamo a film e serie di successo, sequenze indimenticabili impresse nella nostra memoria e in quella del grande pubblico.

3) Il DFF offre ben 4 sezioni di cortometraggi in concorso: Ufficiale, Extralarge, Animazione e l’ormai immancabile Visti da vicino

4) Il DFF sa intercettare le nuove tendenze. Non poteva rimanere certo indifferente al fenomeno delle Web Series e proprio ad esse sarà dedicata la sezione Esplorazioni di questa edizione.

5) Il DFF è anche formazione. Quest’anno sono stati inseriti nel programma due fantastici workshop con due maestri del settore; Scrivere un corto con Belèn Sanchez Arèvalo e Il suono del cinema con Matteo Pagliarosi.

6) Il Dff è Dieciminuti Academy. Ogni anno vengono attivati corsi di fotografia e di cinema per valorizzare i giovani talenti della provincia. Da questi corsi nascono la PhotoWeek (settimana della fotografia in cui vengono esposti gli scatti degli allievi) e la realizzazione di cortometraggi che saranno proiettati in sala.

7) La giuria del Dff è sempre di ottima qualità e quest’anno sarà presieduta dal critico cinematografico Steve Della Casa.

8) Il Dff omaggia le grandi personalità della cinematografia italiana e internazionale. In questa edizione ricorderemo il cineasta russo Andrej Tarkovskij a trent’anni dalla sua scomparsa e faremo conoscere a tutti uno degli ultimi pionieri dell’animazione, Simone Massi, che per le sue opere si serve ancora e solo di matite, gessetti, carboncini,pastelli, grafite e china.

9) Il Dff ha ospiti d’eccezione e nomi celebri. Nei corti ricevuti spiccano, a vario titolo, nomi noti al pubblico: Alex Gadea: il “Tristan Castro” de Il Segreto celebre soap opera in onda su canale 5, Cécile Bois, celebre per la serie Candice Renoir, Shelby Young (al cinema The Social Network di David Fincher e in tv American Horror Story e Ghost Wisperer),Reid Ewing della serie Modern FamilyDavid Ury (Breaking Bad, Grimm, The Mentalist, Heroes, Lie to Me), e Tahmus Rounds (The Bridge, True Blood, CSI-Miami, Cold Case, Criminal Minds), Allie Grant (Suburgatory, Grey’s Anatomy), Miles Heizer (Parenthood, E.R. Medici in prima linea) e Karen Strassman, negli USA famosissima doppiatrice, Camilla Filippi, nota sul grande schermo per pellicole come La Meglio Gioventù e Viva l’Italia, in tv nell’ultima stagione di Tutto può succedere.  Per quanto riguarda invece gli ospiti, avremo con noi i produttori dell’ormai nota serie web Il Camerlengo: Marco Castaldi, Primo Reggiani e Nicolas Vaporidis .

10) Il Dff è coinvolgimento. Quest’anno abbiamo deciso di coinvolgere il nostro pubblico nella realizzazione di un breve video contenente una citazione cinematografica. I migliori video saranno proiettati in sala e il pubblico presente sceglierà un vincitore che riceverà come premio 10 ingressi al cinema.

11) Il Dff è social. Collegandovi sui principali social network (Facebook, Twitter, Instagram, YouTube) potete essere sempre aggiornati e seguirlo “quasi live”.

La cosa migliore è comunque venire al Cinema Teatro Antares dal 26 al 30 gennaio, dalle ore 21.00 e godervi lo spettacolo!

———————————————————————-

DFF11. 11 REASONS TO LOVE IT

Here we are at last. The Dieciminuti Film Festival begins today and, this being its 11° edition, we’re giving you 11 reasons to follow and love it:

1) The DFF is an international festival. More than 2000 shorts from 103 countries, numbers that testifies its role as a key event in the promotion of cinematography for short movies in the world.

2) The motto of this edition is “serial cinephiles”. Our love for cinema is also expressed through photos, advertisement and the poster: all containing references to unforgettable movies and TV series.

3) The DFF has 4 different sections for short movies: Official, Extralarge, Animation and the ever-present Visti da vicino.

4) The DFF doesn’t ignore new trends. The whole Explorations section will be dedicated to Web Series.

5) The DFF is training. Two workshops are in the schedule: Writing a short movie with Belèn Sanchez Arèvalo and Sound of cinema with Matteo Pagliarosi.

6) The DFF is Dieciminuti Academy. Every year, to promote young talents in the region, we hold photography and cinematography classes. The pupils then get the chance to showcase their work during the PhotoWeek and the projection of their short movies during the DFF.

7) The jury is always top notch and this year will be led by, Steve Della Casa, one of the most important film critics in Italy.

8) The DFF pays homage to the major figures of italian and international cinematography. During this edition we’ll have a tribute to Andrej Tarkovskij, passed away 30 years ago, and also to stop-motion animation thanks to the work of Simone Massi, one of the last to still use pencils, china and chalks for his art.

9) The DFF has exceptional guest and famous names: Alex Gadea: the “Tristan Castro” of Il Segreto, one of the most popular soap operas in Italy, Cécile Bois, famous for the TV Series Candice Renoir, Shelby Young (in cinemas with The Social Network of David Fincher and in the tv series American Horror Story e Ghost Wisperer), Reid Ewing from Modern Family, David Ury (Breaking Bad, Grimm, The Mentalist, Heroes, Lie to Me), Tahmus Rounds (The Bridge, True Blood, CSI-Miami, Cold Case, Criminal Minds), Allie Grant (Suburgatory, Grey’s Anatomy), Miles Heizer (Parenthood, E.R. Medici in prima linea), Karen Strassman, an American voice actor and Camilla Filippi,  actress in La Meglio Gioventù e Viva l’Italia, and now in the last season of Tutto può succedere. For the guests, we’re having the producers of the web series Il Camerlengo: Marco Castaldi, Primo Reggiani e Nicolas Vaporidis .

10) The DFF is participation. We decided to let our audience participates with their own short videos containing a film or tv series quote. The best ones will be projected during the festival and the the audience will choose the winner that will win 10 free tickets for the cinema.

11) The DFF is social. We’re on all the main social networks (Facebook, Twitter, Instagram, YouTube) so you can always be connected and updated.

The best thing to do, though, is coming to Cinema Teatro Antares from the 26th to 30th of January, starting at 21.00 and enjoy the show!

 

 

 

 

 

 

#DFF11 Anteprima d’eccezione alla Saletta degli Eventi

image

Ieri nel contesto della rassegna Culturando alla saletta, durante una chiacchierata intensa e dettagliata, Vincenzo Martorella e Dario Facci hanno intervistato il presidente di Indiegesta Alessandro Ciotoli.Salti nel passato e punti saldi dell’undicesima edizione sono stati argomento della serata, svoltasi a Frosinone, dedicata interamente al festival; si è parlato di numeri, della costante e continua crescita della kermesse Ceccanese , non sono mancati aneddoti e citazioni dalle edizioni passate.

Il festival nasce da un’ idea di Alessandro Ciotoli (Presidente dell’Ass.ne Culturale IndieGesta) che, guardando l’episodio dei Simpson sul Festival di Springfield, sognò di vedere nella sua Ceccano una bella sala piena di gente… dovette aspettare diversi anni e diverse edizioni ma quel 16 gennaio 2011 – la serata finale della sesta edizione del Festival – il suo sogno finalmente si concretizzò tra gli applausi di una platea che esplodeva e la gioia e l’emozione di tutti gli organizzatori che, insieme al loro Presidente, avevano sempre creduto in quella sua bizzarra e profetica visione.

Sono passati altri quattro anni, i numeri e i criteri del 2016 sono da capogiro:

2.027 cortometraggi provenienti da 103 nazioni di 5 continenti diversi. Una esplosione incontrollata di storie, colori, religioni, tecniche e visioni del mondo ha trasformato il Dieciminuti Film Festival in un evento globale sempre più complesso ed articolato. Ci siamo avvicinati a cinematografie e linguaggi nuovi, che prima era difficile anche solo reperire. Abbiamo conosciuto personaggi incredibili, che ti lasciano il segno e ti porti dietro accrescendo così un bagaglio culturale che sta facendo diventare un evento nato per gioco una manifestazione come ne esistono poche in Italia, con un suo percorso, una sua politica, una sua strategia.

Anche quest’anno non sarà perso di vista l’aspetto didattico rivolto al territorio, ci saranno due importanti workshop su due professioni del cinema: lo sceneggiatore e il fonico da presa diretta. Per vivacizzare poi queste settimane abbiamo lanciato una nuova sfida agli aspiranti cineasti locali, un contest, Il Cinema lo fate voi, per realizzare omaggi a film o serie tv con corti da 1 minuto girati con il telefonino. Un’impresa ardua cui però, ne siamo certi, i tanti cinefili seriali risponderanno alla grande.

Non potevano mancare sullo schermo e sul palco dell’Antares omaggi e ospiti illustri, vedremo Simone Massi, è forse tra i più grandi animatori in Europa, forse uno degli ultimi pionieri dell’animazione a passo uno, in via di “estinzione” dopo l’avvento del 3D. Per i suoi lavori non si serve del computer ma fa tutto a mano, usando matite, carboncini, gessetti, pasteli, grafite e china. I suoi lavori sono stati premiati in oltre 200 festival sparsi per il mondo, tra questi, due Nastri d’Argento e un David di Donatello. Ha vinto due volte il premio per la Migliore Animazione del Dieciminuti Film Festival, nel 2006 con Io So Chi Sono e nel 2011 con Nuvole, Mani. Riceve commissioni da televisioni straniere e da grandi eventi, sua la sigla della Mostra Internazionale del Cinema di Venezia.

In più con immenso orgoglio a 30 anni dalla scomparsa, il festival ha deciso di omaggiare uno dei colossi del cinema europeo, Andrej Tarkovskij (1932-1986). Per rendere omaggio a questo autore e poeta, presenteremo al pubblico il suo primissimo, il cortometraggio Gli Uccisori, realizzato da allievo del VGIK, la Scuola Nazionale di Cinematografia di Mosca. A questa proiezione, inedita per la maggior parte del pubblico, affiancheremo un cortometraggio in anteprima italiana di una giovane allieva spirituale del Maestro Tarkovskij, Sasha, diretto da Taisia Deeva, giovane regista russa alla sua opera seconda. Il suo primo lavoro, Ruslan, è il corto vincitore della scorsa edizione del Dieciminuti Film Festival. In questo modo uniremo passato e futuro di una delle più affascinanti cinematografie europee. Questo omaggio vedrà la presenza di Andrej A. Tarkovskij, figlio del grande regista.

– Gli Uccisori di Andrej Tarkovskij (1956)

– Sasha di Taisia Deeva (2015)

Punto chiave dell’undicesima edizione è l’apertura al web e al concetto di serialità

La serialità si sta conquistando spazi sempre più importanti sia nel mondo del cinema che nel mondo del web. I cortometraggi, più adatti e malleabili perché già utilizzati per raccontare storie di breve durata, sono diventati quindi anche strumento di serialità e di sperimentazione di nuovi linguaggi in rete. L’occasione della presentazione di Prometeo, la serie prodotta da IndieGesta la cui prima stagione è finalmente stata completata, ci ha fornito lo spunto per andare ad esplorare un mondo in continua evoluzione ma già ricco di perle grandi e piccole.

Tra le serie che saranno presentate anche uno tra i progetti più ambiziosi,al momento, prodotto da Indiegesta:

PROMETEO, LA SERIE. Da un lato omaggio al romanzo Frankenstein di Mary Shelley, dall’altro serrata caccia al serial killer che gli inquirenti chiamano “il chirurgo”. Una complessa ricerca della verità che porterà i protagonisti a spingersi oltre i propri limiti per raggiungere i loro obiettivi. E’ la più ambiziosa, al momento, produzione di IndieGesta e della Dieciminuti Academy. Regia di Alessandro Ciotoli.

Le altre web series proiettate saranno:

EUSEBIO, LA WEBNOVELA,10 REGOLE PER FARE IMPAZZIRE UN GRAFICO,THE AMAZING LIFE OF BOB MOSQUITO,

KLONDIKE, IL CAMERLENGO.

Tante piccole novità ma come sempre i veri e indiscussi protagonisti saranno i cortometraggi.

La Sezione più importante e più seguita da sempre è quella Ufficiale dedicata alle opere di fiction della durata massima di 10 minuti. I finalisti, che saranno giudicati da una giuria presieduta da Steve Della Casa, critico cinematografico, e composta da Taisia Deeva, regista, Matteo Pagliarosi, fonico, Gino Tomassini, cinefilo, e Simona Bruni dell’Associazione IndieGesta, rappresentano un vero e proprio sguardo sul mondo. Questi i 17 corti finalisti della Sezione Ufficiale: A Fish Called Keith di Steven Dorrington (Regno Unito); Augustine di David Neptune (Stati Uniti); Bam di Dennis Overeem (Paesi Bassi); Due piedi sinistri di Isabella Salvetti (Italia); Impact di Jean-Pierre Michael (Francia); Inquilinos di Jaume Balagueró (Spagna); Ison di Maicol Borghetti (Italia); La Mosca di Marco Di Gerlando (Italia); Only John Welles wears leather di Jarno Harju (Finlandia); Sorej di Hashim Sharaf (Bahrain); Sormeh di Azadeh Ghochagh (Iran); The Exam di Simon Lex (Regno Unito); The Food Chain Complexity in Afforested Grounds di Maciej Gajewski (Polonia); The Red Thunder di Alvaro Ron (Stati Uniti); The Weather Report di Paul Murphy (Irlanda); Valentina di Moisés Romera Pérez (Spagna); Where’s Jesus? di Anja Celine Pedersen (Norvegia).

Sempre nel campo dei cortometraggi, prosegue con grande successo la sperimentazione che riguarda la sezione dedicata ai corti della durata tra i 10 e i 15 minuti, la Sezione Extralarge, una sezione aperta solo a lavori realizzati nell’ultimo anno. Dieci le opere finaliste della Sezione Extralarge: Belly Flop di Marc Gaudioso (Stati Uniti); Captcha di Edward Tracy (Regno Unito); Doppia Luce di Laszlo Barbo (Italia); El Bosque Negro di Paul Urkijo Alijo (Spagna); Hasta que la celda nos separe di Mariana e Joserro Emmanuelli (Puerto Rico); Leona di Davek Carrizosa (Messico); Mother di Rati Tsiteladze (Georgia); Muck di Sonya Quayle (Regno Unito); The Chicken di Una Gunjak (Germania); We Were the Best di Tan Ce Ding (Malesia).

Altra sezione che ha avuto una notevole crescita in termini di qualità è quella dedicata alle Animazioni. La Giuria chiamata a esaminare i corti di animazione è presieduta da Simone Massi, animatore, e composta da Anna Ciammitti, animatrice, e Giorgio Del Brocco dell’Associazione IndieGesta. Questi i finalisti della Sezione Animazioni: Arroz y Fosforos di Javier Beltramino (Argentina); Cute Friends di Xiaohan Liu (Canada); Dji Death Sails di Dmitri Voloshin (Moldavia); Kitbash Kid di Wu Jun An (Singapore); Kite di Gavin Moran (Nuova Zelanda); Krakatoken di Jaime Maestro (Spagna); Noctiluca di Juan Carve (Uruguay); One Day in July di Hermes Mangialardo (Italia); Ovation di Sofia Keqian Wang e JoAnn Kang (Stati Uniti); The Predators of Transylvania di Julia Kolenakova (Slovacchia)

Una grande novità riguarda quest’anno la Sezione “Visti da Vicino”, dedicata ai corti della provincia di Frosinone. Per dare modo ai corti prodotti dagli allievi della Dieciminuti Academy di partecipare senza togliere spazio agli altri corti, ci sarà un apposito Premio Academy, mentre gli altri si contenderanno il Premio del Pubblico e la Menzione della Giuria: Campo d’internamento “Le Fraschette” di Americo Tiberi (Torrice); Ju Pirdo di Gianmarco Cipolla (Vallecorsa); Il varco di Elisa Curatola (Cassino); Life in Technicolor di Danilo Fabrizi (Boville Ernica); Manifesto di Luca Claretti (Frosinone); Pizza n. 2 di Sergio Quattrociocchi (Frosinone); Se io avrei di Roberta Tiberia e Benedetta Masi (Ceccano); Fuori Tempo Massimo di Emanuele Paragallo (Ferentino), cui vanno aggiunti i corti prodotti da studenti della Dieciminuti Academy: Al di là della Ramata di Eleonora Tiberia, E’ andata così di Giorgio Del Brocco, Una maggiore ossigenazione del cervello di Chiara Egle Trento e Coverless degli allievi del FilmLab 2015, al debutto in una sezione competitiva.

Una presentazione ufficiale a 360 gradi in toni da conversazione tra vecchi amici, un appuntamento quello di ieri sera alla Saletta centro delle Arti( Via Giacomo Matteotti) che ci ha riattivato in anticipo le grandi emozioni da Dieciminuti Film Festival.
 Un breve spazio sarà di nuovo dedicato al festival sabato 23 dalle ore 21:00 nella stessa e caratteristica Location. 

Ora siamo davvero pronti

…26/30 Gennaio Cinema Antares,
Ceccano

Vi aspettiamo!

Yesterday, in the context of “Culturando alla saletta”, Vincenzo Martorella and Dario Facci interviewed Indiegesta’s president Alessandro Ciotoli. Both the past and the present of the Festival were the topics of the evening, held in Frosinone, and dedicated entirely to the Festival; the hosts and Alessandro talked about numbers, the ever-increasing growth of the Festival and also of stories of past editions.

The Festival was born out of an idea of Alessandro Ciotoli (President of the Cultural Association IndieGesta) who, while watching a The Simpsons episode about the Festival of Springfield, dreamt about having a similar event in his city… he had to wait several years and several editions but the 16th of January, 2011 – the closing evening of the sixth edition of the Festival – his dream came to life thanks to a full audience and the joy of all the organizers who, together with their president, always believed in his bizarre and profetic vision. Four more years have passed, and the numbers of 2016 are incredible:

2027 short movies coming 103 nations all around the world. An explosion of stories, colors, religions, techniques and point of views that turned the Dieciminuti Film Festival in a global event. We got in contact with new languages of cinema that were difficult to even just get a hold of. We’ve met incredible people that keep filling our cultural background, growing this event to one of the most important Festivals in Italy.

Like previous years, two workshops are going to be held during the Festival, both about two careers of cinema: the scriptwriter and the boom operator/sound editor. There’s also going to be a challenge for the local serial cinephiles: “Il Cinema lo fate voi”, for one minute movies shot with a smartphone with the only restriction being a quote to a movie or tv series.

There couldn’t be an event like this one without important guests, like Simone Massi, one of the best animators in Europe with a love for stop motion animation, a technique slowly dying because of new technologies. He doesn’t use a computer for hiw works but pencils, chalks and china. He received prizes in over 200 festivals around the world, the most important being two Nastri d’Argento and a David of Donatello. He won “Best Animation” in the 2006 and 2011 edition of the Dieciminuti, with “Io so Chi Sono” and “Nuvole, Mani”. He’s also the artist behind the opening theme of the Venice Film Festival.

On the 30th anniversary of his passing, the Festival wants to pay homage to Andrej Tarkovskij (1932-1986). We’re going to show the first work of his, Gli Uccisori, that he made as a student at the Gerasimov Institute of Cinematography in Moscow. To merge the past and the future of one of the most fascinating european cinematic arts, we’re going to show Sasha, directed by Taisia Deeva, a young Russian director at her second film. Her first, Ruslan, won the 10th edition of the Dieciminuti film Festival. Andrej A. Tarkovskij, son of the late director, will also be present.

Gli Uccisori, directed by Andrej Tarkovskij (1956).
the festival will focus on being open to the web and will explore the concept of “serial”, which is growing more and more everyday not only on TV, but also at the cinema and on the Internet. Short films tell short stories, as the word says, and for their nature they’ve become an important tool in experimenting new languages online.

Prometeo, the web series IndieGesta is currently producing – and we’ve finally completed season one -, gave us a hint for what to do next: we will explore an ever-changing world already teeming with amazing projects. PROMETEO, THE SERIES will be a part of it too and will be presented at the festival. The story is about a serial killer known as “the surgeon” and everyone involved in his capture; a complex research of the truth which will push the main characters beyond their limits. This is the most ambitious projectIndieGesta and Dieciminuti Academy have ever worked on and it’s directed by Alessandro Ciotoli. 

Here’s the list of the web series that will be shown at the festival: EUSEBIO, THE WEBNOVEL; HOW TO DRIVE A GRAPHIC DESIGNER CRAZY; THE AMAZING LIFE OF BOB MOSQUITO; KLONDIKE; THE CHAMBERLAIN.

Enough with what’s new, let’s talk about short films. The most important section of Dieciminuti Film Festival is the Official one, for short films up to 10 minutes. A jury composed by Steve Della Casa (film critic), Taisia Deeva (director), Matteo Pagliarosi (sound man), Gino Tomassini (cinephil) and Simona Bruni (member of IndieGesta) will decide who wins. These are the 17 finalists of the Official Section: A Fish Called Keith, Steven Dorrington (United Kingdom); Augustine, David Neptune (United States); Bam, Dennis Overeem (Netherlands); Due piedi sinistri, Isabella Salvetti (Italy); Impact, Jean-Pierre Michael (France); Inquilinos, Jaume Balagueró (Spain); Ison, Maicol Borghetti (Italy); La Mosca, Marco Di Gerlando (Italy); Only John Welles wears leather, Jarno Harju (Finland); Sorej, Hashim Sharaf (Bahrain); Sormeh, Azadeh Ghochagh (Iran);The Exam, Simon Lex (United Kingdom); The Food Chain Complexity, Maciej Gajewski (Poland); The Red Thunder, Alvaro Ron (United States); The Weather Report, Paul Murphy (Ireland); Valentina, Moisés Romera Pérez (Spain);Where’s Jesus?, Anja Celine Pedersen (Norway).

The Extralarge Section includes short films between 10 and 15 minutes and it’s for shorts realized in 2015 only. Here’s the 10 finalists of the Extralarge Section: Belly Flop, Marc Gaudioso (United States); Captcha, Edward Tracy (United Kingdom); Doppia Luce, Laszlo Barbo (Italy); El Bosque Negro, Paul Urkijo Alijo (Spain); Hasta que la celda nos separe, Mariana and Joserro Emmanuelli (Puerto Rico);Leona, Davek Carrizosa (Mexico); Mother, Rati Tsiteladze (Georgia); Muck, Sonya Quayle (United Kingdom); The Chicken, Una Gunjak (Germany); We Were the Best, Tan Ce Ding (Malesia).

Last but not least, Animations. Simone Massi and Anna Ciammitti (animators) and Giorgio Del Brocco (member of IndieGesta) will judge the short films. There are the finalists of the Animation Section: Arroz y Fosforos, Javier Beltramino (Argentina); Cute Friends, Xiaohan Liu (Canada); Dji Death Sails, Dmitri Voloshin (Moldavia); Kitbash Kid, Wu Jun An (Singapore); Kite, Gavin Moran (New Zealand); Krakatoken, Jaime Maestro (Spain); Noctiluca, Juan Carve (Uruguay); One Day in July, Hermes Mangialardo (Italy); Ovation, Sofia Keqian Wang and JoAnn Kang (United States); The Predators of Transylvania, Julia Kolenakova (Slovakia).

 The “Visti da Vicino” section is dedicated to short movies made in Frosinone and surrondings. This year there is going to be a separate award for our Academy, while the others will run for the usual awards: the Audience mention and the Jury’s prize. The “Visti da Vicino” are: Campo d’internamento “Le Fraschette”, directed by Americo Tiberi (Torrice); Ju Pirdo directed by Gianmarco Cipolla (Vallecorsa); Il varco directed by Elisa Curatola (Cassino);Life in Technicolor directed by Danilo Fabrizi (Boville Ernica); Manifesto directed by Luca Claretti (Frosinone); Pizza n. 2 directed by Sergio Quattrociocchi(Frosinone); Se io avrei directed by Roberta Tiberia e Benedetta Masi (Ceccano); Fuori Tempo Massimo directed by Emanuele Paragallo (Ferentino), together with the Dieciminuti Academy shorts: Al di là della Ramata directed by Eleonora Tiberia, E’ andata così directed by Giorgio Del Brocco,Una maggiore ossigenazione del cervello directed by Chiara Egle Trento eCoverless directed by the pupils of the Filmlab.

The official presentation of the Dieciminuti Film Festival gave us the first strong emotions last night at Saletta Centro delle Arti (Via Giacomo Matteotti).

The Festival’s staff will be hosted again there this Saturday.

Now we are really ready.

#SUPPORTDFF11, Obiettivo Raggiunto!

Sapevamo dall’inizio che non sarebbe stata una passeggiata. Per questo quando ieri, un giorno prima della scadenza, abbiamo ricevuto la notifica dell’avvenuto superamento dell’obiettivo, un tremolio e un brivido ci hanno scossi. Il Dieciminuti Film Festival continua a stupire tutti, anche noi stessi. Da oggi, grazie al successo della campagna Support DFF11 lanciata sul portale francese Ulule, il DFF diventerà il primo evento in provincia di Frosinone ad essere finanziato grazie ad una raccolta fondi su internet. Quella del “crowdfunding” è una politica già adottata da altri eventi in giro per il mondo, ma dalle nostre parti fino ad ora nessuno era riuscito a raggiungere l’obiettivo prefissato. E’ una forma di libertà di gestione e di programmazione estrema. Non un evento legato a grossi sponsor commerciali, non un evento legato a qualche contributo regionale dovuto a favori politici, il DFF11 sarà un evento libero finanziato da centinaia di piccoli sostenitori. Siamo stati spesso commossi in queste settimane nel vedere quanto le persone, anche dall’estero, siano affezionate al Dieciminuti Film Festival e abbiano voluto contribuire alla sua realizzazione e alla sua crescita. Oggi ci sentiamo onorati e con un grande carico di responsabilità sulle spalle. Ceccano, la nostra città, ospiterà dal 26 al 30 gennaio un evento di portata mondiale, con opere provenienti da 102 diverse nazioni che spaziano dalla Nuova Zelanda alla Malesia, passando per il Cile o l’Iran o praticamente tutte le nazioni europee e del continente americano. Un vero ed unico grande evento che rende orgogliosi non solo noi organizzatori ma, lo abbiamo capito proprio con questa campagna, anche tutta la città che lo aspetta con ansia ogni anno. Non vi deluderemo, sarà grazie a tutti voi che la nostra provincia entrerà a pieno titolo nel circuito dei grandi festival internazionali. Restate sintonizzati, ne vedrete delle belle.

92ac547f807e412da723fd3dc8ad1236

#SUPPORTDFF11 fundraising for Dieciminuti Film Festival!

A new experiment, a new formula and, starting today, also a new way of funding. The Dieciminuti Film Festival never stops renovating itself and, with the DFF11 getting closer (January 26 to January 30 2016), we’re launching our first crowdfunding campaign. An already tried and tested method and utilized in a lot of different fields, thanks to crowdfunding IndieGesta hopes to gather, thanks to the sympathy of Internet users, the sum needed to organize a new edition, the 11th, and to make it as astounding and inspiring as ever, for both the filmmakers and the audience. To support the campaign, which will be active from today to the 15th of November at this link: http://en.ulule.com/dff11/ , just follow the very simple instructions on the ULULE website and choose the amount you want to contribute to the campaign. The way it works is very simple: if the sum goal is reached, which is set at 2.500 Euros, the funders will see their payment go through and they’ll receive their rewards. If, even if it’s just one euro, the goal isn’t reached, no one will have to pay anything. Lots of events around the world nowadays have chosen this new way of funding, we surely hope that this experiment will bear its fruits.

12022475_10153226411701235_5524559547489618620_o